statistiche gratuite
Catalogo di offerte immobiliari ville e case di lusso in vendita, vendita immobili di prestigio, toscana casali in vendita, ville in vendita al mare, aziende agricole ed agriturismi in vendita. Case in vendita. Residenze d'Epoca
AddThis Social Bookmark Button

Immobiliare le previsioni per il 2015

Immobiliare, le previsioni per il 2015 parlano di una lenta ripresa e prezzi ancora giù. 23 dicembre 2014 prezzi ai minimi storici, mutui e transazioni (parliamo di rogiti) in crescita sono segnali positivi che lasciano intravedere una ripresa delle compravendite per il 2015. un’inversione di tendenza già in atto nell’ultima parte dell’anno ancora in corso anticipando i dati del rapporto idealista.it 2014, di...

Leggi tutto...

Immobili. Termoregolazione e contabilizzazione del calore

Immobili. Termoregolazione e contabilizzazione del caloreAgosto 2014 entro il 31 dicembre 2016 tutti i condomini e gli edifici che appartengono a un unico proprietario, ma occupati da almeno due soggetti, dovranno dotarsi dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore. si tratta di un obbligo di legge introdotto nell'ordinamento europeo dalla direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica, che è stata...

Leggi tutto...

Aumento delle vendite ma non dei prezzi

Nomisma: già da quest'anno ( 2014) aumento delle compravendite, ma per i prezzi si dovrà aspettare ancora il 2016. Giugno 2014. Se le transazioni torneranno in positivo già da quest'anno, per i prezzi bisognerà aspettare il 2016., quest è la situazione secondo  l'ultimo rapporto dell'osservatorio Nomisma che prevede per il 2014 un aumento delle compravendite del 7,4% rispetto al 2013 (circa 30mila unità in più) e un...

Leggi tutto...

Roma riforma il Catasto delle case di pregio

Immagine
Roma riforma il Catasto delle case di pregio 31/10/2013 Anche se mancano ancora anni prima che la riforma del Catasto sia definitivamente portata a termine, qualcosa comincia già a muoversi. Un primo passo è stato compiuto a Roma dove, almeno nelle aree di pregio, saranno cancellate le rendite catastali ultrapopolari. Grazie agli adeguamenti messi a punto dall'agenzia delle Entrate, a 175mila immobili di 14 microzone...

Leggi tutto...

Mercato del lusso: l'America supera la Cina per volume di acquisti, brand italiani e alberghi conquistano share 4 inShare A Non si può più parlare di boom, certo, ma il mercato internazionale dei beni di lusso è destinato a crescere ancora

Mercato del lusso: l'America supera la Cina per volume di acquisti, brand italiani e alberghi conquistano share Milano 31 ottobre 2013 in Sh Non si può più parlare di boom, certo, ma il mercato internazionale dei beni di lusso è destinato a crescere ancora nonostante la crisi internazionale. A decretarlo l'Osservatorio mondiale sui mercati del lusso 2013, condotto da Bain & Company in collaborazione con Altagamma, la...

Leggi tutto...

Marzo 2013 Prezzi delle case sempre più in basso in Spagna

Immagine
Spagna: prezzi delle case sempre più in basso . 09/04/2013 In Spagna il prezzo medio delle case continua a calare inesorabilmente, anche se il declino sembra aver leggermente rallentato. Nel mese di marzo, le case sono diventate meno costose del 10,7% su base annua, rispetto al calo dell'11,6% del mese di febbraio, come riportato dai dati della società di consulenza Tinsa. Ribassi questi trainati soprattutto dal...

Leggi tutto...

Seconde case. Aumentano le vendite nonostante la crisi

Immagine
Breglia: stranieri sì ma solo sulle seconde case 27 marzo 2013 L'Italia diventi la Provenza d'Europa Italia • Per quanto riguarda il mercato degli investimenti esteri in Italia esiste un trend di crescita negli ultimi 5 anni che non riguarda il settore corporate bensì il residenziale delle seconde case, con un valore pari a un aumento del 50% circa come volume. Lo ha affermato Mario Breglia, presidente di Scenari...

Leggi tutto...

Casa: nel 2012 in Italia crollano le compravendite

Casa: nel 2012 in Italia crollano le compravendite – 25,8% Rispetto al 2006 le transazioni sono dimezzate. Con 19.640 transazioni  immobliari le grandi città registrano un tasso negativo pari a -25,2%. Roma, 14 mar. – Il 2012 é stato un anno da dimenticare, per la compravendita di case in Italia. In termini di volumi si è  tornati ai livelli degli anni ’80, con un calo sul 2011 del 25,8%; per trovare un dato...

Leggi tutto...

Rent to buy e nuove forme conrattuali per acquistare casa

Comprare casa in tempo di crisi. Ecco le alternative ai mutui bancari Rent to buy e nuove forme conrattuali: rischi ed opportunità. Ne parlano a Venezia gli agenti immobiliari Fiaip con proposte concrete all’indirizzo della Regione Veneto. Roma, 12 marz – Nei giorni scorsi  Fiaip Venezia (la Federazione degli Agenti Immobiliari Professionali), con la partecipazione di Fiaip Treviso e Fiaip Vicenza, ha organizzato a...

Leggi tutto...

La Sicilia attrae sempre più investitori esteri.

Immagine
La Sicilia attrae sempre più investitori esteri. Sempre più interesse per gli investitori stranieri nell’Isola. Palermo, 28 febb. – Si è tenuto presso la sede regionale FIAIP Sicilia nei giorni scorsi un incontro formativo su “Cosa il settore Estero può fare per il tuo business: tra arte e storia cosa differenzia il mercato italiano dal resto del mondo”. Il corso  promosso dal Collegio Regionale FIAIP Sicilia...

Leggi tutto...

Casa: arriva l’Hpi, un nuovo indice europeo dei prezzi degli immobili

Immagine
Casa: arriva l’Hpi, un nuovo indice europeo dei prezzi degli immobili L’indice Eurostat misura l’andamento dei prezzi delle case ed include il prezzo del terreno nel prezzo dell’immobile Roma, 20 feb. – E’ stato pubblicato da Eurostat per la prima volta il 31 gennaio scorso il nuovo indice sui prezzi delle abitazioni dell’Eurozona e della Ue. L’indice Hpi (House Price Index), che sarà pubblicato su base...

Leggi tutto...

Stop alle autodichiarazioni in classe "G" per certificazione energetica

Certificazione energetica: Stop alle autodichiarazioni in classe "G" D.M. Sviluppo economico 22.11.2012 Sulla Gazzetta Ufficiale n. 290 del 13.12.2012 è stato pubblicato il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico relativo alla “Modifica del decreto 26.06.2009, recante: Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici”. L'autocertificazione in classe G non è più consentita per attestare il...

Leggi tutto...

Prezzi case: nel 2014 torna il segno più

Prezzi case: nel 2014 torna il segno più Standard & Poor's prevede un 2013 di prezzi ancora in discesa per l'Italia, ma la svolta si avvicina Standard & Poor's/Case-Shiller Secondo l'agenzia di rating Standard & Poor's, il mattone italiano rimarrà in difficoltà per tutto il 2013, in linea con il resto d'Europa. A differenza di molti paesi vicini, però, la correzione dei prezzi sarà inferiore e già dal...

Leggi tutto...

Investimenti immobiliari ''commercial'', IV° trimestre 2012 eccezionale crescita volumi a 436 mld dollari''

Investimenti immobiliari ''commercial'', IV° trimestre 2012 eccezionale crescita volumi a 436 mld dollari'' 16/01/2013 Alla fine del 2012 i volumi globali di investimenti immobiliari "commercial" sono stati superiori alle previsioni raggiungendo i 436 miliardi di dollari, con un leggero aumento rispetto ai 435 miliardi del 2011 e un 36% di aumento rispetto al 2010. Si tratta dei dati preliminari diffusi da Jones Lang...

Leggi tutto...

Immobili storico-artistici locati: le nuove norme per i soggetti Ires

Oggetto: Immobili storico-artistici locati: le nuove norme per i soggetti Ires   Il Dl 16/2012 ha ridisegnato il regime di tassazione dei fabbricati che non sono beni strumentali né beni alla cui produzione o scambio è diretta l’attività dell'impresa. Con la risoluzione n. 114/E del 31 dicembre, l’Agenzia interviene in materia di immobili riconosciuti di interesse storico-artistico, fornendo un’interpretazione...

Leggi tutto...

2012. Boom degli investimenti stranieri in Italia nel mercato immobiliare.

Investimenti stranieri in Italia: +35% nel 2012 28/12/2012 Secondo le stime di Scenari Immobiliari nel 2012 sono state 4600 le famiglie estere che hanno comprato casa nel Belpaese, il 13,5% in più dello scorso anno, per un totale di 2,1 miliardi di investimento. Un trend iniziato otto anni fa, che fa segnare un +53% in più di compratori stranieri e un +290% in più di investimenti. Sono due i principali macrogruppi di...

Leggi tutto...

Fiaip: con Monti pressione fiscale sulla casa più alta d’Europa

Immagine
Fiaip: con Monti pressione fiscale sulla casa più alta d’Europa 11/12/2012Il Consiglio nazionale della Fiaip stigmatizza in una nota la politica che il Governo Monti ha attuato in relazione al settore immobiliare che ha reso la pressione fiscale sulla casa la più alta d’Europa.  “Il Governo ha penalizzato il risparmio delle famiglie e quindi la proprietà immobiliare diffusa per favorire esclusivamente i beni ...

Leggi tutto...

'Immobiliare ultimo treno, è il momento di vendere

Immagine
Olivati (Fiaip): ''Immobiliare ultimo treno, è il momento di vendere'' 28/09/2012 “Che questo sia il momento di comprare casa ormai l'han capita tutti, dai 2 anni d'età in su – scrive in una nota Giuliano Olivati (foto), presidente Fiaip Bergamo e delegato regionale Fiaip alla cultura e formazione - ma ora noi diciamo ai proprietari: se volete davvero vendere, questo è il momento, sta passando il midnight express. ...

Leggi tutto...

Resiste il residenziale di pregio in Italia

Resiste il residenziale di pregio in Italia 21/09/2012 Mantiene un certo dinamismo il mercato italiano delle abitazioni sulla fascia di prezzo che va dai 1,5 milioni di euro in su. La domanda si è fatta certamente più selettiva e l'offerta non manca (anzi in alcuni casi è costante aumento). Il periodo necessario per concludere una transazione oscilla oggi tra i 6 mesi e l’anno. A dilatare i tempi è una certa...

Leggi tutto...

Agli stranieri piace il mattone italiano

Gli stranieri amano il mattone italiano Acquisti sempre più numerosi e investimenti sempre maggiori 25 luglio 2012 Il mattone italiano piace sempre più agli stranieri. Infatti, mentre crollano gli acquisti da parte di italiani nel mattone nazionale, nel primo semestre del 2012 oltre 2.200 famiglie estere hanno comprato una seconda casa in Italia, con un incremento del 12% rispetto al medesimo periodo dello scorso...

Leggi tutto...

News

Crisi finanziaria e liquidita'

Crisi finanziaria e liquidita'.
23 maggio 2012

I mutui da erogare a sostegno dell'acquisto case vengono sempre meno. Rispetto al 2010, il 2011 ha registrato un'ulteriore contrazione del 5% nonostante la percentuale del 2010, rispetto all'anno precedente, fosse già con segno negativo. Come se non bastasse, i risultati dei primi mesi del 2012 evidenziano percentuali ancora più deludenti.

E' quindi interessante portare alla luce quale quota di reale transazione di case viene incentivata dal mutuo. Ebbene, da statistiche veniamo a scoprire che il ricorso al mutuo, in rapporto al concretizzarsi delle compravendite di abitazioni, in questi ultimi anni, è in continua contrazione fino ad attestarsi oggi sotto il 50%. Negli ultimi mesi la percentuale di acquisti casa con ricorso al mutuo è ulteriormente precipitata al 44,8% e preoccupa sempre di più. Sulla base di questi dati statistici è doveroso fare alcune semplici considerazioni:

. Il valore delle abitazioni è decisamente condizionato dal ribasso in atto, anche a causa delle risicate possibilità di ottenere il mutuo.
. Queste limitate possibilità contribuiscono a condizionare in negativo il numero delle compravendite, cosa che riscontriamo puntualmente in questi anni.
. La conseguenza è che il mercato risulta meno vivace, anzi, possiamo dire stagnante, al punto da condizionare i prezzi al continuo ribasso.
. La conclusione è che, alla luce di questo scenario, gli affari sono per lo più, come naturale, alla portata di coloro che sono liquidi e, disponendo di forza contrattuale con poca concorrenza e approfittando della debolezza della domanda, ottengono ulteriori sconti pur in presenza di valori già ribassati.

Ma lo scenario purtroppo si allarga con il protrarsi della crisi. Chi è liquido infatti sta anche cogliendo una seconda opportunità. Si tratta dell'acquisto delle nude proprietà di abitazioni che sono in continuo aumento. Il dato di Spi-Cgil di questi giorni, ripreso subito e sottolineato puntualmente da Quotidiano Immobiliare, segnala con preoccupazione un continuo aumento di queste particolari compravendite che si posiziona, nei primi mesi del 2012, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con un ancora più 10%.
I tristi attori di questo mercato sono per lo più gli over 65 che non sono più in grado di sbarcare il lunario con la modesta pensione e, di conseguenza, sono messi nella triste condizione di sacrificare la nuda proprietà della propria casa per costituire riserve di liquidità necessarie, nella vecchiaia, a colmare la modesta pensione. E' del tutto evidente che, in condizione di assoluta debolezza di queste figure, chi conduce la danza nel fissare il prezzo della nuda proprietà è l'acquirente il quale, anche in questo contesto, trova il modo di realizzare buoni affari.
Come per il primo caso trattato, ove la situazione può in parte essere migliorata concedendo mutui alle famiglie che meritano, anche in questo secondo caso le banche potrebbero fare la loro parte. Si è parlato, all'inizio dell'esplosione del fenomeno delle vendite delle nude proprietà, con il disagio che ne consegue per le persone anziane che devono per necessità e non per scelta percorrere questa strada, della possibilità di concedere mutui così detti "vitalizi", anche per tentare di contenere il fenomeno. Era un mutuo studiato in base alle esigenze del target per non avere rate da pagare periodicamente ma con semplice debito, sia di capitale che di interessi maturati, da commutare solo al decesso dei proprietari offrendo agli eredi la possibilità di pagare il debito accumulato, magari con un nuovo mutuo allo scopo, ma consentendo agli stessi eredi di poter tenere la proprietà se pure con il debito. In alternativa vi era la possibilità di lasciare alla banca la possibilità della vendita a libero mercato per coprire il debito accumulato magari con qualche spazio tra prezzo e debito a disposizione degli eredi.
Come spesso succede in piena crisi finanziaria, il percorso ha avuto vita breve ed il più delle banche neppure lo ha avviato. Anche questa è una faccia della crisi che fa riflettere perchè la banca molto spesso è poco propensa a forme di intervento creditizio veramente innovative e aderenti in modo tempestivo alle giuste esigenze del momento della propria clientela.

fonte : L'editoriale di Pietro Locatelli | Italia ( quotidiano immobiliare)

 

Londra. Italiani tra i top buyers londinesi

Italiani tra i top buyers londinesi
Acquirenti dello stivale presenti in molte capitali del lusso | Londra

A Londra gli italiani sono quarti nella classifica dei "top buyers" di case e appartamenti, dopo russi, francesi e sudafricani. Prima di indiani e arabi. Prediligono la zona di Kensington che è una delle più care. Anche nelle altre capitali della finanza e del lusso, secondo il Financial Times, gli italiani risultano essere sul podio dei migliori investitori in immobili. A Montecarlo nella zona di Fontvieille siamo in testa. A Parigi nel 6°,7° e 8° arrondissement siamo nei primi tre posti. A New York abbiamo la medaglia d'oro degli acquisti nell'area di Greenwich Village.
maggio 2012

fonte: quotidiano immobiliare

   

Valle d’Aosta, valore immobili calato 20% rispetto al 2007

Fiaip Valle d’Aosta, valore immobili calato 20% rispetto a 2007

A Courmayeur appartamenti fino a 11mila euro al metro quadro | Valle d'Aosta | Fiaip

La diminuzione media del valore degli immobili in Valle d'Aosta nel primo trimestre del 2012 è del 20% rispetto ai picchi del 2007. Il dato è emerso oggi, durante l'assemblea della Fiaip (Federazione italiana agenti immobiliari professionali) della Valle d'Aosta. "Pur in assenza di dati statistici precisi a livello regionale, il mercato valdostano rispecchia sostanzialmente quello italiano", ha spiegato al Palaexpo di Pollein Roberto Nale, presidente della federazione locale. A livello nazionale il numero di compravendite nei primi tre mesi dell'anno è calato del 40% rispetto allo stesso periodo del 2011. Patrizia Diemoz, vice presidente nazionale Fiaip con delega al turismo, tra le principali cause di svalutazione degli immobili nelle località di villeggiatura ha ricordato "l'elevato rendimento dei titoli di stato verso cui si indirizza una buona parte del risparmio, gli alti costi di transizione nelle compravendite, lo spettro dell'Imu e delle rendite catastali e le quotazioni a volte troppo elevate fissate dai proprietari, che pretendono di vendere a cifre superiori di quelle a cui hanno acquistato 6 o 7 anni fa". Angelo Aresu, segretario regionale della Fiaip, ha sottolineato che "in Valle d'Aosta non esiste ancora una normativa che preveda sanzioni per chi non rispetta gli obblighi della certificazione energetica". Ampie le variazioni di prezzo degli immobili in Valle d'Aosta a seconda della località considerata. Per gli appartamenti nuovi o ristrutturati posizionati in zona centrale si va dai 2.000-2.400 euro al metro quadro di Verres ai 9.500-11.000 di Courmayeur, passando per i 4.000-5.000 di Valtournenche, i 2.800-3.200 di Saint-Vincent, i 2.700-3.800 di Aosta, i 2.500-3.000 di Sarre e i 2.800-4.000 di La Salle e Morgex. Nella cittadina ai piedi del Monte Bianco il costo di un box auto singolo varia dai 45.000 ai 60.000 euro mentre a Nus oscilla tra i 15.000 e i 20.000 euro. Sono 17 i comuni valdostani analizzati dagli agenti immobiliari Fiap.
3 maggio 2012
fonte Quotidiano immobiliare (ANSA)

   

Pagina 9 di 22

Area Riservata

Free counters!

Utilizziamo cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare i nostri servizi. Per ulteriori informazioni o per scoprire come modificare la configurazione, consulta la nostra Politica relativa ai cookie.

Accetto i cookies da questo sito.